Tipi di ambra: scopri l'ambra che non conosci - Giallo Ambra
Stai valutando? Cliccami per ricevere uno sconto del 5% + spedizione GRATIS sul tuo prossimo ordine!
(chiudi)
Cosa regalare e comprare Tutto sull'ambra

Tipi di ambra: scopri l’ambra che non conosci

Condividi questo articolo ora!

Si tende a generalizzare parlando di ambra, mentre esistono più di 60 tipi di resine fossilizzate con caratteristiche e proprietà più disparate. Riportiamo le principali collocazioni geografiche dei giacimenti, l’aspetto e l’età delle ambre più commercializzate tra cui: ambra opaca e trasparente, ambra blu, ambra gialla, ambra bianca, ambra rossa o ambra grigia che avrai sentito nominare.

Diversi tipi d'ambra
Diversi tipi di ambra

Cos’è l’ambra

L’ambra non è un minerale, ma una pietra classificata tra le pietre semipreziose organiche perché è di origine vegetale. Per l’ambra normalmente si intende una resina dalle leguminose o conifere (specie oggi estinte) che ha subito un lungo processo di fossilizzazione, che ha comportato cambiamenti fisico-chimici e delle vere e proprie modifiche strutturali per cui si è solidificata. L’ambra – pietra che conosciamo – è traslucida, di un colore genericamente chiamato “giallo ambra”, ma in realtà varia dal giallo chiaro al marrone scuro, rosso e anche bianco. Tuttavia, esistono anche i tipi di ambra blu, nera e verde. Poi ci sono le varietà più o meno opache. All’interno della pietra possono esserci resti vegetali, fungini o animali, le cosiddette inclusioni.

Ambra Baltica

L’Ambra Baltica (nome mineralogico: succinite) è una delle resine fossilizzate più importanti e antiche, ha come minimo 40 mila anni.  Contiene dal 3 all’8 % di acido succinico, e questo differenza l’Ambra Baltica da un centinaio di altre resine fossili identificate che contengono meno di 3 o 0 % di acido succinico rispetto al peso complessivo. Grazie ai suoi colori caldi e seducenti è il tipo d’ambra preferito sul mercato. È chiamata anche “oro del baltico”. Il suo bellissimo aspetto viene sfruttato per la realizzazione di gioielli e oggetti decorativi. La succinite proviene dalle coste del Baltico e del Mar del Nord, ma anche dalla Polonia settentrionale e centrale e, a quanto pare, persino dall’Ucraina. I giacimenti di Ambra Baltica si trovano principalmente lungo le coste meridionali del baltico in Russia, Polonia e Lituania, ma anche in Germania, Danimarca, Svezia, Finlandia, Estonia, Lettonia, dove la resina delle foreste della penisola scandinava si raccolse circa cinquanta milioni di anni fa.

Bracciale composto da diversi colori di Ambra Baltica

L’Associazione Internazionale dell’Ambra con sedi in Polonia e in Cina, da diversi anni svolge ricerche scientifiche legate all’ambra, con particolare attenzione proprio sull’Ambra Baltica. Studia e analizza diversi tipi di ambra, conserva gli esemplari più importanti nei musei ed emette i certificati. Secondo la loro classifica l’Ambra Baltica si divide in:

1. Ambra Baltica Naturale – gemma che è stata sottoposta unicamente al trattamento meccanico (per esempio: macinazione, taglio o lucidatura) senza alcuna modifica delle sue proprietà naturali.

2. Ambra Baltica Modificata – gemma soggetta solo al trattamento termico o ad alta pressione, che ha modificato le sue proprietà fisiche, incluso il grado di trasparenza e colore, o che è stata sagomata in condizioni simili fuori grazie ad una pepita, precedentemente tagliata alla dimensione richiesta.

3. Ambra Baltica Ricostruita (pressata) – gemma fatta di pezzi di ambra pressati ad alta temperatura e sotto elevata pressione, senza ulteriori componenti.

4. Ambra Baltica Incollata – gemma consistente in due o più parti di Ambra Naturale, modificata o ricostruita, incollate insieme mediante la minor quantità possibile di agenti adesivi ed incolori.

Classificazione internazionale dell'Ambra Baltica
Classificazione internazionale dell’Ambra Baltica

Ovviamente queste quattro categorie hanno un valore e un prezzo di mercato molto diversi (leggi: Prezzo dell’ambra – da che cosa dipende?).

Simetite

La Simetite è l’ambra siciliana che si può trovare lungo il fiume Simeto, presso la città siciliana di Catania, Punta Braccetto (frazione rivierasca di Santa Croce Camerina), Contrada Chiappa o territorio di Pachino. I suoi colori sono colori verde-giallo, rossastro e bluastro, spesso con delle inclusioni vegetali, ma di piccolissime dimensioni. La simetite è relativamente giovane perché la sua età è compresa tra il Miocene inferiore e Miocene superiore, quindi ha circa 25 milioni di anni. L’ambra del Simeto è una varietà di resina rara e si trova in piccole quantità.

Diversi campioni di Simetite
Diversi campioni di Simetite chiamata l’ambra siciliana

Ambra Messicana

L’Ambra Messicana si trova nello Stato del Chiapas in Messico, vicino al Guatemala, ed era conosciuta già ai tempi delle civiltà antiche. Veniva indossata e utilizzata in diversi modi dai Maya. L’ambra del Chiapas è una resina fossilizzata di antiche foreste di alberi di leguminose (ormai estinte) che attraverso un lungo processo di fossilizzazione assume la consistenza, la trasparenza e i colori che la contraddistinguono. I colori possibili da incontrare sono: da rosso scuro a giallo, miele chiaro o cognac. Grazie alle alte temperature delle zone dei vulcani si è formata la bellissima ambra rossa. La sua età geologica risale a circa 22 – 26 milioni di anni. Il prezzo dell’Ambra Messicana è di circa 5€ al grammo per le pepite di almeno 1000 g.

Amabra Messicana del Chiapas
Ambra Messicana del Chiapas

Rumenite

La Rumenite è il tipo di ambra abbastanza raro presente nell’attuale Romania. Ha dei colori piuttosto scuri dovuti alla presenza di zolfo e idrocarburi, giallo-bruno, rosso, marrone, nero e raramente giallo. Presenta spesso una notevole fluorescenza. Le sue origini risalgono a 10, 20 milioni di anni fa.

Burmite

Campione di Ambra Burmite dalla Birmania
Campione di Ambra Burmite dalla Birmania

La Burmite è l’ambra dalla Birmania (Myanmar), uno Stato dell’Asia sudorientale. Si tratta di una delle ambre più vecchie e dure, ovvero di 50, ma anche 100 milioni d’anni. Le inclusioni, come le mosche che può contenere sono importanti sia dal punto di vista scientifico che collezionistico. Non contiene l’acido succinico. La burmite è chiamata anche ambra cinese perché è particolarmente apprezzata nel mercato cinese, per le sue varietà di età e colore. Ha molte varietà di colore: dalla trasparenza – giallo, anche se naturalmente in autoclave a rosso e persino blu fluorescente, opachi dopo, i cinesi la chiamano ” flower amber”. In Cina, l’ambra è trattata come parte del patrimonio nazionale.

Gli altri posti in Asia dove si può trovare l’ambra sono: Honsiu (isola più grande del Giappone).

 

Ambra blu

L’ambra blu proviene della Repubblica Dominicana e deriva dalla resina di Hymenaea protera, una pianta leguminosa vissuta durante il Miocene. L’età di questa resina è stimata tra i 25 e i 40 milioni di anni. I suoi colori sono vari: giallo (il più comune), marrone cognac, rosso cherry, verde e azzurro da cui prende il nome Ambra Blu. Questi colori si presentano in un’ampia gamma di tonalità. Gli esemplari più preziosi di ambra dominicana hanno una fluorescenza blu unica che la rende una delle più costose. Non contiene l’acido succinico. L’ambra dominicana è rinomata per le inclusioni che contiene. Una gemma di ambra dominicana, trovata nel 1997, fu stimata più di 50.000 dollari perché conteneva una piccola rana perfettamente conservata. Il prezzo della semplice ambra dominicana gialla è di circa 3-5 €/g, invece dell’Ambra Blu può arrivare a 20€ al grammo.

Ambra blu e ambra gialla dalla Repubblica Dominicana
Ambra blu e ambra gialla dalla Repubblica Dominicana

Ambra Libanese

L’Ambra dal Medio Oriente trovata in Libano risulta essere assolutamente più antica, la sua età è stimata a perfino 130 milioni di anni. Di conseguenza è molto apprezzata per le sue antiche inclusioni vegetali e animali. L’Ambra Libanese è molto fragile e per le sue caratteristiche estetiche, non si presta all’utilizzo in gioielleria.

Altri tipi di ambra, meno diffusi, ma altrettanto belli e misteriosi sono: Ambra dal Sarawak, nel Borneo malese, la Walchovite, dalla Moravia, gedanite, glessite, stantienite e tante altre.

Copale

Il copale è una resina vegetale subfossile o fossile da diverse specie arboree di Leguminose, molto particolare. Sul piano commerciale e gemmologico non è considerata ambra, ma un simile resto organico. Tuttavia, anche se simile, è molto più giovane dell’ambra. La vera ambra è stata formata da 130 milioni (ambra libanese), 40 a 60 milioni di anni fa (ambra del Baltico), mentre Copale ha circa 2 milioni di anni. Per questo è anche più morbido dell’ambra, ha una durezza e densità inferiore. Il colore del copale è giallo pallido o quasi incolore e a volte bruno-rossastro.

Il copale può avere diverse origini, ma principalmente viene estratto in America del Sud o Africa. I paesi di provenienza sono: Colombia, Brasile, Messico, India Orientale, Zanzibar, Sierra Leone, Benin, Camerun, Congo, Angola e Madagascar, ma anche Filippine e Nuova Zelanda.

Il copale non contiene acido succinico e il suo valore di base è molto più basso rispetto all’ambra vera, ma spesso contiene insetti o residui vegetali magnificamente conservati.

Campione di Copale con inclusioni dal Madagascar
Campione di Copale con inclusioni dal Madagascar

Ambra grigia

L’ambra grigia ha consistenza resinosa, ma non è una resina fossile, come i tipi di ambra sopraelencati, e non è nemmeno una sostanza vegetale. È molto rara e abbastanza insolita perché prodotta dai Capodogli (grandi balene).  Secondo gli studi, quando i capodogli ingeriscono qualcosa di irritante e non riescono a digerirlo l’ambra grigia ricopre il materiale, formando una massa che viene espulsa in mare. Questo vomito di balena deve maturare galleggiando e successivamente viene raccolto lungo le spiagge. In quanto può sembrare disgustoso è un tesoro che ha un prezzo altissimo. Una famiglia dell’Australia ha trovato per caso in spiaggia 10kg di questa misteriosa sostanza facendo guadagnare 600.000 euro.

Ambra grigia
Ambra grigia

L’ambra grigia esteticamente non è attraente, non viene utilizzata nella produzione di gioielli, ma è importane nell’industria profumiera. L’ambra di balena asseccata al sole acquista un odore molo buono e ha anche una capacità di fissare i profumi. Il profumo di ambra grigia è un connubio di sentori dolci e afrodisiaci, seduce particolarmente gli olfatti femminili, ricorda cuoio, tabacco e mare. A causa del prezzo alto quasi non si usa più in profumeria dove la sostituisce molecola di sintesi ambreina.

Importante sapere che in commercio si trovano diversi falsificati dell’ambra vera che possono sembrare autentici. Le principali imitazioni dell’ambra sono: la plastica, il vetro e il copale di cui sopra.

Esempi di ambra falsa
Esempi di ambra falsa presenti sul mercato

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva


Condividi questo articolo ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *